Immobiliare Intermedia
Home | Contatto
Chi siamoDove siamoNewsLe nostre proposteLavora con noi
Cerco la mia casa
Vendo la mia casa
Mutui
Servizi
Entra nel mondo Intermedia
Vetrina commerciale

News

Intermedia... passione e responsabilità

Da anni Intermedia rappresenta sul nostro territorio l'interesse della nostra clientela nel campo immobiliare; lavoro, attenzione e dedizione quotidiana verso chi vende o acquista o semplicemente ci chiede un consiglio; il nostro impegno da sempre per far sentire il cliente sempre benvenuto. La passione che viviamo ogni giorno con orgoglio professionale e che condividiamo con voi con impegno e valori che rispettiamo da oltre 15 anni, dandovi certezze e soddisfazioni nel raggiungimento degli obiettivi. La nostra mission è rafforzare e continuare con voi principali interlocutori, ad operare ed orientare le vostre scelte con serietà e responsabilità da sempre presenti nei nostri fatti e comportamenti. Vi ringraziamo per averci dato fiducia fino ad oggi e ci auguriamo che siate sempre in tanti anche in futuro.

Approssimazione e improvvisazione letali nella compravendita

Il mercato immobiliare italiano si è lasciato alle spalle la pesante crisi ma la risalita sarà lenta e non priva di insidie. Si rafforzano i segnali di miglioramento del mercato che si erano delineati a partire dalla seconda parte del 2014. Le famiglie italiane circa il 75% potranno acquistare solo con il sostegno economico delle banche. I prezzi delle case, tuttavia, restano ancora in calo del 2,5% su base annua, ma che dovrebbero fermare la discesa dal 2016. Sarà importante adesso evitare stime immobiliari errate per continuare a sostenere la ripresa delle transazioni; necessario per questo affidarsi ad un esperto agente immobiliare in grado di effettuare valutazioni senza lasciare spazio all'approssimazione del fai da te o all'improvvisazione dei non addetti.

Stop tasse prima casa, sconti "difficili" sui comodati

Dal 1° gennaio 2016 viene abolita la Tasi sulla prima casa e mantenuta l'imu sulle case di lusso (A/1, A/8, A/9). La prima casa, però è solo uno degli ambiti su cui interviene la legge di stabilità, che interviene anche sui comodati a titolo gratuito,  prevedendo il dimezzamento dell'imposta se chi concede la casa e chi la utilizza abitano nello stesso Comune, con contratto regolarmente registrato presso agenzia delle entrate e rapporto parentale entro il primo grado. Il proprietario, in questo caso,  può possedere anche la propria abitazione principale. La manovra cancella anche  l'imu sui terreni agricoli collocati in Comuni di pianura o parzialmente montani.

  Trascrizione accettazione tacita

la trascrizione dell'accettazione tacita dell'eredità (prevista dall'articolo 2648, terzo comma, Codice civile) è una formalità pretesa per salvaguardare la cosiddetta "continuità delle trascrizioni", essa deve essere reiterata presso tutte le agenzie fiscali presso le quali il defunto era titolare di diritti reali su immobili. Non basta, perciò, la dichiarazione di successione pur sempre valida ai fini fiscali; la stessa deve essere trascritta; e generalmente è un atto espletato dal notaio al momento della vendita del bene ereditato.

IACP: vendita alloggi di edilizia residenziale pubblica

 L'art. 28 della legge 8 agosto 1977 n.513 prevede al comma VII (già V comma) che gli alloggi acquistati non possono essere alienati a nessun titolo per un periodo di tempo pari a 10 anni dalla data di stipulazione del contratto e comunque fino a quando non ne sia stato pagato l'intero prezzo.
Il comma IX del medesimo art.28 fa seguito affermando che "l'assegnatario può alienare l'alloggio qualora ricorrano le condizioni di cui al precedente quinto (ora settimo)
comma . la successiva Legge 560/93 ha imposto all’assegnatario una duplice soluzione: notiziare l’ente con raccomandata r/r per l’esercizio del diritto di prelazione entro 60 gg o  corrispondere all'Ente il 10% del valore catastale dell'alloggio più iva quale prezzo dell'estinzione del diritto di prelazione. Viene cioè attribuito all'assegnatario il diritto potestativo di escludere la prelazione versando una somma determinata all'ente. Queste conclusioni valgono anche nel caso in cui all'assegnatario subentrino mortis causa i di lui eredi.